Raas

La regione Naz-Sciaves

Con i suoi cinque villaggi, Naz, Sciaves, Rasa, Aica e Viums, la comunità si trova su un altopiano sopra la conca della Val d’Isarco e la città di Bressanone. A Naz-Sciaves, la frutticoltura è un’attività economica importante, come è facile riconoscere durante le vostre vacanze nei numerosi meleti con diverse varietà. Il vino prospera anche sull’altopiano. Durante il Törggelen in autunno, potete assaggiare il nuovo vino dolce, chiamato Süßer, con le castagne fresche.

Il Tirolerhof si trova nel piccolo villaggio di Rasa. Da quì si possono visitare diversi posti, in 10 minuti si raggiunge la città di Bressanone, in mezz’ora si raggiunge Vipiteno o Bolzano.

Il Duomo di Bressanone

Nel mezzo della pittoresca città vescovile di Bressanone si trova la storica cattedrale costruita nel 980 d.C. Nel corso degli anni, l’edificio è stato ridisegnato diverse volte, l’attuale edificio barocco risale al XVIII secolo. A quel tempo, la cattedrale era decorata con affreschi e dipinti di Paul Troger di Welsberg, un vestibolo classicista di Jakob Pircherstaller, un nuovo altare maggiore di Theodor Benedetti e una tarda gotica Madonna. Accanto alla cattedrale troverete anche il notevole chiostro romanico-gotico con il bellissimo cortile quadrato e gli elaborati affreschi.

 

Dom
Neustift
Abbazia di Novacella

Il chiostro agostiniano di Novacella a Varna con la chiesa barocca si descrive come un monastero attivo e vivente. Il vescovo Hartmann di Bressanone la fondò nel 1142 e nel corso degli anni il monastero fu dotato di una serie di tesori di grande valore nella storia dell’arte. Oltre alla chiesa collegiata, questo include la preziosa biblioteca, il chiostro gotico, la pinacoteca, la tomba di Oswald von Wolkenstein e la fontana miracolosa nel cortile, che, oltre alle sette meraviglie del mondo, rappresenta il monastero come l’ottavo. Il monastero di Novacella è anche una delle più importanti aziende vinicole dell’Alto Adige, con vini eccellenti come il Müller-Thurgau, il Sylvaner e il Kerner.

Monastero di Sabbiona

In alto sopra Chiusa, il maestoso monastero di Sabbiona domina una possente roccia chiamata Holy Mountain. Già insediato nel Neolitico, il monastero è uno dei più antichi luoghi di pellegrinaggio del Tirolo e da qui si dice che la fede cristiana si sia diffusa in tutto l’Alto Adige. Dal XVII secolo, il monastero è stato abitato da monache benedettine e, a volte, era anche sede vescovile. Il monastero può essere raggiunto direttamente dal centro di Chiusa attraverso un incrocio e un lungomare. Quattro chiese appartengono all’edificio del monastero e sono una destinazione popolare per i pellegrini: la Liebfrauenkirche, la Marienkappelle, la chiesa abbaziale e la chiesa della Santa Croce. Il monastero stesso non è accessibile a causa del severo chiostro dei benedettini.

 

Säben
Festung
Il Forte di Fortezza

Dal 1832 al 1838, fu costruita la più forte fortificazione in Europa di quel tempo: la Fortezza fu costruita da circa 4500 uomini. Prende il nome dall’imperatore Francesco I, il castello è costituito da un labirinto di corridoi e scalinate ed è stato sicuramente un capolavoro di logistica per quei giorni. La fortezza tecnicamente presto obsoleta non fu mai un teatro di guerra, ma fu principalmente utilizzata come magazzino di armi. Oggi la fortezza ospita spesso eventi e mostre e può essere visitata anche con una visita guidata.